PROCEDURA APERTA, SUDDIVISA IN DUE LOTTI, PER L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA ARMATA, CON GESTIONE E MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI SICUREZZA, E DI CUSTODIA/GUARDIANIA DELLE STRUTTURE UNIVERSITARIE, PER LA DURATA DI ANNI QUATTRO.

Data Pubblicazione: 01/02/2018
Data Scadenza: 14/03/2018
CIG: 73728013DB - 7372817110 -
Data pubblicazione G.U. Europea: 03/02/2018
Data prima seduta pubblica: 16/03/2018
Importo (iva esclusa): € 4.637.249,92

Avviso pubblicazione chiarimenti nella Sezione FAQ.


Avviso pubblicazione chiarimenti nella Sezione FAQ.


Avviso pubblicazione ERRATA CORRIGE nella Sezione Allegati


Avviso pubblicazione NUOVI MODULI OFFERTA ECONOMICA (per il LOTTO A e per il LOTTO B)


Avviso pubblicazione chiarimenti nella Sezione FAQ.


Avviso pubblicazione chiarimenti nella Sezione FAQ.


Avviso pubblicazione chiarimenti nella Sezione FAQ.


Avviso pubblicazione chiarimenti nella Sezione FAQ.


AVVISO SEDUTA DI GARA (ore 9:30 del 19/03/2018)

Si comunica che il Seggio di gara proseguirà i lavori, in seduta pubblica, il giorno 19 marzo 2018 alle ore 9:30 presso la Sala Commissioni del Dipartimento Amministrativo Attività Negoziale e Servizi Generali (Edificio “E”), Piazza S. Pugliatti n. 1- Messina. Il presente avviso è pubblicato, conformemente a quanto stabilito nel Disciplinare di gara, solo sul sito d’Ateneo www.unime.it Sezione/Gare e Appalti con valore di notifica ad ogni effetto di legge.


AVVISO SEDUTA DI GARA (ore 9:30 del 27/03/2018)

Si comunica che il Seggio di gara proseguirà i lavori, in seduta pubblica, il giorno 27 marzo 2018 alle ore 9:30 presso la Sala Commissioni del Dipartimento Amministrativo Attività Negoziale e Servizi Generali (Edificio “E”), Piazza S. Pugliatti n. 1- Messina. Il presente avviso è pubblicato, conformemente a quanto stabilito nel Disciplinare di gara, solo sul sito d’Ateneo www.unime.it Sezione/Gare e Appalti con valore di notifica ad ogni effetto di legge.


AVVISO RINVIO SEDUTA DI GARA

Si comunica che, per sopraggiunta indisponibilità di un componente del Seggio di gara, la seduta del 27 marzo 2018 è rinviata a data da destinarsi. Il presente avviso è pubblicato, conformemente a quanto stabilito nel Disciplinare di gara, solo sul sito d’Ateneo www.unime.it Sezione/Gare e Appalti con valore di notifica ad ogni effetto di legge.


AVVISO SEDUTA DI GARA (ore 9:30 del 30/03/2018)

Si comunica che il Seggio di gara proseguirà i lavori, in seduta pubblica, il giorno 30 marzo 2018 alle ore 9:30 presso la Sala Commissioni del Dipartimento Amministrativo Attività Negoziale e Servizi Generali (Edificio “E”), Piazza S. Pugliatti n. 1- Messina. Il presente avviso è pubblicato, conformemente a quanto stabilito nel Disciplinare di gara, solo sul sito d’Ateneo www.unime.it Sezione/Gare e Appalti con valore di notifica ad ogni effetto di legge.


AVVISO SEDUTA DI GARA (ore 9:30 del 11/04/2018)

Si comunica che il Seggio di gara proseguirà i lavori, in seduta pubblica, il giorno 11 aprile 2018 alle ore 9:30 presso la Sala Commissioni del Dipartimento Amministrativo Attività Negoziale e Servizi Generali (Edificio “E”), Piazza S. Pugliatti n. 1- Messina. Il presente avviso è pubblicato, conformemente a quanto stabilito nel Disciplinare di gara, solo sul sito d’Ateneo www.unime.it Sezione/Gare e Appalti con valore di notifica ad ogni effetto di legge.


AVVISO SEDUTA DI GARA (ore 9:30 del 23/04/2018)

Si comunica che la Commissione giudicatrice si riunisce, in seduta pubblica, il giorno 23 aprile 2018 alle ore 9:30 presso la Sala Commissioni del Dipartimento Amministrativo Attività Negoziale e Servizi Generali (Edificio “E”), Piazza S. Pugliatti n. 1- Messina. Il presente avviso è pubblicato, conformemente a quanto stabilito nel Disciplinare di gara, solo sul sito d’Ateneo www.unime.it Sezione/Gare e Appalti con valore di notifica ad ogni effetto di legge.


Versione stampabile

D: Si chiede di conoscere cosa intenda codesta S.A. per possesso o impegno a stabilire una sede operativa nel Comune di Messina, alla luce dei costi in termini di investimento o risorse che lo stabilimento di una sede operativa comporterebbe. O non si intende piuttosto una sede collegata con la Centrale Operativa?

R:

La richiesta di avere una sede, anche secondaria, costituita nel Comune di Messina, ha come finalità l’esigenza di garantire, in caso di necessità, il rispetto dei tempi di intervento. Tale sede dovrà avere disponibilità immediata di personale ed un efficiente ed adeguato collegamento alla Centrale Operativa, per una tutela tempestiva delle persone e del patrimonio universitario, per prevenire vandalismi, furti, allagamenti, incendi e quant’altro all’interno degli immobili universitari, nonché a far rispettare, in particolar modo, le norme per la sicurezza delle persone e per la salvaguardia del patrimonio universitario.


D: Si chiede conferma se ai fini del soddisfacimento del requisito di cui al paragrafo 7.3 Requisiti di capacità tecnica e professionale, lett. i) del Disciplinare di gara per il lotto B (esecuzione di un servizio analogo (custodia/guardiania), nel triennio 2015-2016-2017), siano considerati validi i servizi di portierato e reception.

R:

Saranno considerati validi per il possesso del requisito di capacità tecnica e professionale i soli servizi analoghi, che soddisfano entrambi i requisiti che seguono:
• CCNL applicato “vigilanza privata e servizi fiduciari”;
• attività svolte identificabili con quelle elencate a titolo meramente indicativo e non esaustivo nell’art. 40 del capitolato speciale.


D: Si richiedono i seguenti chiarimenti: in merito al requisito di cui al punto 7.3 h) certificazione UNI 50518 - Richiediamo se il possesso dello stesso è effettivamente obbligatorio …. - Chiediamo se è possibile ricorrere all’avvalimento per la dimostrazione di tale requisito; - Chiediamo, se è possibile dimostrare tale requisito attraverso l’impegno del concorrente a dotarsi di tale certificato in caso di aggiudicazione?

R:

Il d.lgs. n. 269/2010 e s.m.i. prevede l’obbligo per tutti gli istituti di vigilanza di dotarsi della certificazione di qualità per l’erogazione del servizio di tele vigilanza.
La suddetta certificazione, quale requisito soggettivo, secondo pareri ANAC e giurisprudenza maggioritaria, dimostra uno specifico status dell’imprenditore il quale opera secondo specifici standard per la qualità dei processi produttivi a garanzia dei servizi resi alla stazione appaltante. Pertanto, non risulta possibile l’avvalimento della certificazione di qualità UNI 50518.
Le misure di garanzia della qualità richieste devono sussistere alla data di scadenza della presentazione delle offerte.


D:

In riferimento alla gara in oggetto lotto A e tenuto conto che importo a base di gara annuale è pari ad Euro 685.718,86 ed il monte ore annuo è pari a ore 25.500, Si conferma una tariffa oraria pari ad Euro 26,89?”

R:

L’importo indicato a base di gara annuale per il lotto A è dato dalla somma degli importi stimati per le seguenti voci: costo/ora uomo; servizi di ronda/tele vigilanza; manutenzione ordinaria/straordinaria degli impianti di sicurezza; spese generali ed utile di impresa.
La tariffa oraria è stata calcolata sulla base di quanto previsto nel CCNL di settore e tenendo conto dei livelli professionali di cui all’art 18 del capitolato speciale di appalto per il lotto A.


D: Si richiede un elenco dettagliato di tutti gli impianti di allarme e videosorveglianza istallati presso le sedi oggetto della gara al fine di poter formulare l’offerta economica.

R:

Si rinvia all'Elenco degli impianti di allarme e videosorveglianza installati nei Plessi universitari pubblicato nella Sezione ALLEGATI.


D: Si chiede conferma se nel modulo allegato alla documentazione di gara nella parte indicata “Ribasso globale percentuale sull’importo complessivo quadriennale b.a. di euro 2.742.875,45, esclusa Iva e oneri di sicurezza da rischi interferenziale non soggetti a ribasso” bisogna indicare il ribasso in % e non in euro”.

R:

Si rinvia all’ERRATA CORRIGE pubblicata nella Sezione Allegati.


D: Si chiede un elenco dettagliato delle attrezzature di sicurezza (sistemi video-sorveglianza e sistemi anti-intrusione) installate presso le varie strutture universitarie. Si chiede, altresì, se dette attrezzature siano di proprietà dell’Università o sono concesse in comodato.

R:

Si rinvia all’Elenco degli impianti di allarme e videosorveglianza installati nei Plessi Universitari pubblicato nella Sezione Allegati.
I predetti impianti sono di proprietà dell’Università degli Studi di Messina.


D: Constatato che l’università non si trova all’interno di una cittadella universitaria, bensì viene identificata in 3 Poli … è emerso che i tempi per effettuare il pronto intervento, vanno oltre la tempistica minima prevista dal Capitolato Speciale … Si ritiene che non sia possibile rispettare le tempistiche indicate dal documento di gara in virtù del fatto che le autopattuglie della vigilanza privata non sono autorizzate a transitare con lampeggianti o sirene, ma sono soggette alla viabilità. A tal punto pare che sia penalizzante la tempistica richiesta per il pronto intervento per ognuna delle sedi previste dalla gara.

R:

Gli atti di gara e le planimetrie allegate illustrano chiaramente che l’Ateneo ha tre Poli didattici ben delimitati, di cui n.1 al centro e n. 2 al nord (Annunziata e Papardo) della città. I poli didattici ubicati a nord della città Annunziata – Papardo sono raggiungibili mediante un unico lineare percorso stradale: dal centro della città via Garibaldi che diventa dopo la rotonda del Viale Annunziata via Consolare Pompea.
Sulla via Consolare Pompea (strada litoranea) che collega i due poli Annunziata – Papardo si trova ubicata Villa Pace.
Considerato che l’attuale servizio di vigilanza svolto da un RTI garantisce dei tempi di intervento equiparabili a quelli indicati nel capitolato di gara e che le risorse economiche stanziate a tutela del patrimonio mobiliare ed immobiliare dell’Ateneo risultano adeguate è verosimile svolgere il servizio di pronto intervento con l’utilizzo di un numero sufficiente di pattuglie dislocate per tutta la città.


D: Il disciplinare di gara, al punto 7.3, lettera H, a comprova della capacità tecnica e professionale, richiede il possesso di certificazione: "per il centro di monitoraggio e di ricezione di allarme secondo la Norma UNI CEI EN 50518". I requisiti, le prescrizioni tecniche e le procedure che discendono dall'applicazione dell'invocata normativa europea, assumono carattere cogente esclusivamente nelle ipotesi contemplate dal DM 269/2010 per come emendato dal DM 56/2015. Più nel dettaglio, l'appena richiamata normativa, all'art. 2, definisce le caratteristiche e i requisiti organizzativi e professionali degli Istituti di Vigilanza privata e, tra questi, gli "ambiti territoriali" di intervento suddividendo quest'ultimi su base: comunale, provinciale o ultra-provinciale. L'allegato A), al punto 4.1.2., della già invocata norma dettaglia, poi, i requisiti organizzativi pretendibili dagli Istituti di vigilanza e, per la parte che qui rileva, impone la dotazione di una centrale operativa conforme al protocollo UNI EN 50518 esclusivamente a quegli Istituti che operano su base ultraprovinciale con bacino di popolazione superiore a tre milioni di abitanti. Ne discende ictu oculi che, il carattere cogente del protocollo UNI CEI EN 50518, potrà essere preteso esclusivamente da parte di quegli Istituti per i quali ricorre l'invocato presupposto di legge. Si invita, dunque, a precisare con apposito chiarimento che la certificazione di cui al punto 7.3., lettera H, sarà pretesa esclusivamente dai concorrenti che si trovano nella fattispecie organizzativa per come tipizzata dal Legislatore.

R:

La serie di norme UNI CEI EN 50518 complementare e integrabile con il Sistema di Gestione della qualità UNI EN ISO 9001:2008, ha sostituito la norma UNI 11068 ed apporta un valore specifico aggiunto sul sistema organizzativo, strutturale e di controllo dell'azienda. Ciò nondimeno, l'obbligo di certificazione è riferibile unicamente agli istituti autorizzatici a svolgere il proprio servizio negli ambiti territoriali di cui all'art. 2, lett. c) n. 4 del D.M. 269/2010 come modificato dal D.M. 56/2015. Si conferma, pertanto, che la certificazione è pretesa, a pena di esclusione, dai concorrenti che ricadono nell'ambito di applicazione della richiamata disposizione.


D: 1) Si chiede conferma che ai fini delle richieste dichiarazioni di cui all’allegato D.3 “Dichiarazione di idoneità morale”, concernenti l’assenza delle situazioni di cui all’art. 80 del D.Lgs. 50/2016 da parte dei soggetti in carica indicati al comma 3 dell’art. 80 del medesimo decreto, possa essere ammessa un’unica dichiarazione resa dal legale rappresentante firmatario della procedura, in quanto per definizione titolare del potere di rappresentare legalmente l’impresa, che dichiara l’insussistenza delle predette situazioni per se stesso e in nome e per conto di tutti i soggetti indicati al comma 3, come affermato dal recente indirizzo giurisprudenziale (Consiglio di Stato in Adunanza Plenaria: sentenza n. 1894/2013 e n. 16/2014) e definito in ultimis anche dal Comunicato ANAC d.d. 26/10/2016: l’obbligo della dichiarazione può ritenersi assolto ai sensi dell’art. 47 co. 2 DPR 445/2000 e s.m.i. dal legale rappresentante dell’impresa con la specifica indicazione degli altri soggetti previsti dall’art. 80 comma 3 del D.Lgs. 50/2016. 2) In relazione al punto 7.2 “Requisiti di capacità economica finanziaria” del disciplinare, si chiede conferma che sia sufficiente indicare in merito al fatturato globale minimo annuo gli esercizi riferiti al 2015 e al 2016, poiché il bilancio relativo all’esercizio 2017 non è ancora stato approvato.

R:

Si riscontra come segue: per il punto 1) si conferma che le dichiarazioni per i terzi e per i soggetti cessati, ai sensi dell’art 80 d.lgs. n. 50/2016 s.m.i., possono essere rese dal legale rappresentante dell’impresa; resta ferma l’applicazione delle sanzioni penali previste dall’art. 76 del D.P.R. n. 445/2000 nei confronti del legale rappresentante che renda dichiarazioni false in ordine al possesso dei requisiti; per il punto 2) è possibile presentare la situazione economica patrimoniale al 31/12/2017 vidimata/attestata dal commercialista.


D: Si richiede il seguente chiarimento: per la gara di cui trattasi “LOTTO A” è possibile la partecipazione per un solo lotto?

R:

E' consentita la partecipazione ad un solo lotto; per maggiori chiarimenti si rimanda al contenuto degli atti di gara.


D: Con riferimento al requisito di capacità tecnica e professionale di cui all’art. 7.3 del Disciplinare di Gara, relativo al Lotto B – Servizio di Custodia/Guardiania), sub lettera i), si chiede se sia considerata valida al soddisfacimento del detto requisito l’esecuzione di attività identificabili con quelle elencate a titolo meramente indicativo e non esaustivo nell’art 40 del Capitolato Speciale, svolte con personale cui sia stato applicato un CCNL diverso da “vigilanza privata e servizi fiduciari” e, nella specie, cui sia stato applicato il CCNL “MULTISERVIZI”, il cui campo di applicazione comprende anche servizi identificabili con quelli indicati all’art 40 del Capitolato speciale.

R:

In ossequio a quanto previsto dagli artt. 1, 39 e 40 del Capitolato Speciale d'appalto per l'affidamento del servizio Custodia/Guardiania delle Strutture dell'Università di Messina (LOTTO B), le prestazioni oggetto del servizio devono garantire l'incolumità, la sicurezza e la protezione dei beni mobili, immobili e la fruizione degli stessi al personale dipendente del'Ateneo, ai visitatori ed ai terzi in generale e ad evitare che si verifichino intrusioni nelle Strutture, furti e quant'altro possa recare danno all'Amministrazione.
Ciò posto, si chiarisce che, ai fini del soddisfacimento del requisito di cui al punto 7.3 del Disciplinare di gara per il lotto B, l'operatore economico è tenuto a dimostrare di aver svolto nel triennio di riferimento un servizio analogo (custodia/guardiania) nel settore di attività oggetto dell'appalto, da intendersi vigilanza passiva.


D: Si chiede alla luce di quanto sopra esposto, se nel caso di modifiche in corso d’esecuzione del contratto, quale sarà la tariffa oraria da tenere in considerazione per eventuali aumenti o diminuzioni del servizio di vigilanza armata. Ciò in quanto per tale tariffa oraria non è prevista l’indicazione in sede di formulazione dell’offerta economica. Tenuto conto altresì che la tariffa oraria indicata per le prestazioni extra canone non può essere applicata per i servizi richiesti ai sensi dell’art. 21del CSA. Si evidenzia la stessa problematica per quanto attiene il Lotto “B” per cui si ripropone lo stesso Quesito.

R:

In merito al quesito formulato sulle tariffe orarie si precisa quanto segue per entrambi i Lotti A e B:
- che quanto disciplinato nell’art. 19 dei CSA, riguarda esclusivamente l’eventuale rimodulazione dei servizi ordinari indicati negli stessi, e non comporta alcuna variazione del corrispettivo pattuito;
- che i servizi extra canone, previsti dall’art. 49 del CSA, saranno liquidati secondo l’importo offerto in sede di gara ed indicato nel “Modulo offerta economica”, alla voce D) rubricata: Prestazione a misura su richiesta della committenza;
- che per la parte normata nell’art 21 del CSA, la stazione appaltante applicherà le disposizioni previste nel contratto d’affidamento.


Lotto: 1
CIG: 73728013DB
Oggetto: Lotto A/Servizio di vigilanza armata, con gestione e manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti di sicurezza, delle Strutture Universitarie, per la durata di anni quattro.
Struttura proponente: Amministrazione
Proc. scelta contraente: 01-PROCEDURA APERTA
Num. partecipanti: 0
Partecipanti:
Importo aggiudicazione:
Aggiudicatari: Raggruppamento
Data inizio:
Data fine:
Somme liquidate: 0,00


Lotto: 2
CIG: 7372817110
Oggetto: Lotto B/Servizio di custodia/guardiania delle Strutture Universitarie, per la durata di anni quattro.
Struttura proponente: Amministrazione
Proc. scelta contraente: 01-PROCEDURA APERTA
Num. partecipanti: 0
Partecipanti:
Importo aggiudicazione:
Aggiudicatari: Raggruppamento
Data inizio:
Data fine:
Somme liquidate: 0,00


Creato il 2018-02-12 12:09:55, modificato il 2018-04-18 08:30:25 da mguarrera@unime.it




Università degli Studi di Messina - Piazza Pugliatti, 1 - 98122 Messina - tel. +39 090 6761
Cod. Fiscale 80004070837 - P.IVA 00724160833