Maria Letizia Di Pietro

Qualifica:
Ricercatori Universitari
SSD:
CHIM/03
Telefono:
090 6765487
Fax:
090 393756
Email:
Struttura di appartenenza:

Elenco insegnamenti per l'anno accademico 2016/2017

Denominazione Insegnamento Corso di Studi Percorso
CHIMICA BIOINORGANICA E BIOCHIMICA CLINICABIOLOGIABIOSANITARIO
METALLI NEI SISTEMI BIOLOGICICHIMICAANALITICO-BIOLOGICO

Elenco insegnamenti per l'anno accademico 2015/2016

Denominazione Insegnamento Corso di Studi Percorso
CHIMICA BIOINORGANICA E BIOCHIMICA CLINICABIOLOGIABIOSANITARIO
METALLI NEI SISTEMI BIOLOGICICHIMICAANALITICO-BIOLOGICO

Orario di Ricevimento

GiornoOra inizioOra fineLuogo
Lunedì 12:00 13:00presso il proprio studio (3° piano dell’edificio principale - 2° blocco del Dipartimento di Scienze Chimiche)
Note:
Mercoledì 12:00 13:00presso il proprio studio (3° piano dell’edificio principale - 2° blocco del Dipartimento di Scienze Chimiche)
Note:
Venerdì 12:00 13:00presso il proprio studio (3° piano dell’edificio principale - 2° blocco del Dipartimento di Scienze Chimiche)
Note:
La dott.ssa Maria Letizia Di Pietro si è laureata in Chimica nell’ottobre 1993, con il massimo dei voti e la lode accademica, presso l’Università degli Studi di Messina.
Nel gennaio 1999 ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Scienze Chimiche presso l’Università degli Studi di Messina, discutendo la tesi dal titolo “Interazioni tra complessi planari di platino(II) e acido deossiribonucleico”.
Dal giugno 1999 al giugno 2001 ha svolto attività di ricerca post-dottorato in Scienze Chimiche presso l’Università degli Studi di Messina.
Nell’ottobre 2001 è risultata vincitrice del concorso a n. 1 posti di ricercatore universitario per il SSD C03X (ora CHIM/03) - Chimica Generale ed Inorganica, presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università di Messina. Il 12 dicembre 2001 ha preso servizio presso il Dipartimento di Chimica Inorganica, Chimica Analitica e Chimica Fisica dell’Università di Messina.
Dal dicembre 2004 è confermata nel ruolo di ricercatore universitario.
La sua attività di ricerca rientra nel campo della chimica bioinorganica ed è attualmente incentrata sulle possibili applicazioni in campo clinico di composti di coordinazione in grado di interagire non covalententemente con gli acidi nucleici. Si tratta della naturale evoluzione del proprio lavoro di ricerca, iniziato con lo studio delle caratteristiche alla base del processo intercalativo di piccole molecole all’interno della doppia elica del DNA mediante l’utilizzo di complessi planari quadrati di Pt(II) e Pd(II) con leganti coordinati scelti in maniera opportuna, poi proseguito investigando la possibilità da parte di questi ultimi di riconoscimento molecolare di acidi nucleici diversi. Partendo quindi da tali basi, ed essendo noto che farmaci antitumorali quali la doxorubicina svolgono la loro attività citotossica proprio grazie all’intercalazione nel DNA, la dott.ssa Di Pietro ha deciso di testare, in collaborazione con ricercatori anche di altre università, l’eventuale attività citotossica di nuovi composti di Pt(II) e di altri metalli di transizione da lei sintetizzati, dopo averne verificato la capacità intercalativa all’interno dell’acido deossiribonucleico. Inoltre, dal momento che la terapia fotodinamica (PDT) costituisce una delle nuove frontiere in campo clinico, la dott.ssa Di Pietro si è occupata di uno studio nel quale l’intercalazione del composto avviene “in situ” solo dopo sua fotoattivazione, costituendo così un anello di congiunzione tra processi fotoindotti ed intercalazione potenzialmente utilizzabile in campo terapico.
L’attività di ricerca è stata svolta in collaborazione, oltre che con colleghi dell’Università di Messina, con ricercatori di altre università sia italiane che straniere, quali l’Università di Modena e Reggio Emilia, l’Università di Bologna, l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, la "Chalmers University of Technology" di Göteborg, la “Université Paris Descartes” di Parigi, nonché con ricercatori della “Sanofi-Aventis Recherche” di Montepellier, del CNR-Istituto per i Processi Chimico-Fisici di Messina e dell'Istituto di Scienze e Tecnologie Molecolari del CNR (ISTM) di Milano.
La produzione scientifica della dott.ssa Di Pietro è documentata da 24 pubblicazioni a stampa su riviste internazionali e da varie comunicazioni a congressi nazionali ed internazionali.
Dr. Maria Letizia Di Pietro got her Laurea in Chemistry cum laude at the University of Messina in October 1993 and the PhD in Chemical Sciences in January 1999 discussing a thesis entitled “Interazioni tra complessi planari di platino(II) e acido deossiribonucleico” (“Interactions of square planar Pt(II) complexes and deoxyribonucleic acid”).
From June 1999 to June 2001 she got a post-doc position at the University of Messina.
Since December 2001 she is a researcher at the Department of Inorganic, Analytical and Physical Chemistry of the Faculty of Sciences of the University of Messina.
Her research activity falls within the field of Bioinorganic Chemistry and is currently focused on the possible applications in the clinical field of coordination compounds able to interact non-covalently with nucleic acids. This is the natural evolution of her research work, which began with the study of the basic features of the intercalation of small molecules into DNA double helix by means of square-planar Pt(II) and Pd(II) complexes bearing suitably chosen ligands, then continued investigating the possibility of these complexes to exhibit molecular recognition towards different nucleic acids. Starting from these bases, and since we know that some anticancer drugs such as Doxorubicin are cytotoxic owing to their intercalation into DNA, Dr Di Pietro decided to test the possible cytotoxic activity of new compounds of Pt(II) and other transition metals, after verifying their ability of intercalation into DNA. Moreover, since photodynamic therapy (PDT) is one of the new frontiers in the clinical field, she was involved in a study in which the intercalation of the compound is photoactivated "in situ", thus representing a link between photoinduced processes and intercalation potentially useful in therapy.
She actively collaborates with other Italian and European researchers, such as colleagues of the “Università di Modena e Reggio Emilia”, “Università of Bologna”, “Università Cattolica del Sacro Cuore” in Rome, "Chalmers University of Technology" in Göteborg, “Université Paris Descartes” in Paris.
Her scientific production is documented by 24 articles published on international journals and several communications at national and international congresses.
* Afferenze, qualifiche prelevate dal Database CSA » Carriere del Personale
» Inserisci Curriculum


Ultimo aggiornamento: 18/11/2017

Università degli Studi di Messina - Piazza Pugliatti, 1 - 98122 Messina - tel. +39 090 6761
Cod. Fiscale 80004070837 - P.IVA 00724160833