A.A. 2015/2016

[2425/2013] - SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE


Coordinatore del Corso: prof.ssa Amelia Gangemi
Classe del Corso: L-20
Sedi del Corso: Via Concezione, n.6, 98121 - Messina presso C.U.M.O via Sofia, palazzo Giavanti - Noto (SR)
Durata minima del Corso: 3
e-mail del Coordinatore: gangemia@unime.it
telefono del Coordinatore: Dato non disponibile
Rappresentante degli Studenti:

Sig. Roberto Finocchiaro

Sig.ra Silvia Grasso

Sig. Michele Raso

Sig. Luca Saia

Telefono Segreteria Studenti: 090 6768301 -02 -04 -44
fax Segreteria Studenti: Dato non disponibile
Manifesto degli Studi: Piano di studi 13 14 informazione nuovi media
Piano di studi 13 14 marketing e pubblicita
Piano di studi 13 14 patologie comunicazione
Piano di studi 13 14 Sociale politica
Piano di studi 13 14
Piano didattico:
Regolamento didattico: Dato non disponibile
Calendario didattico: Link
Sedute di laurea: Link
Creato il 2013-07-12 10:47:27, modificato il 2016-03-14 14:33:40 da Assunta Penna

Introduzione

Il Corso di Studi in Scienze della Comunicazione si propone di formare professionisti in grado di operare nei vari campi delle scienze e delle tecnologie della comunicazione e dell'informazione. La specificità del corso consiste nel fornire conoscenze su tutti gli aspetti della comunicazione. Non solo, quindi, come un insieme di pratiche dedicate all'apprendimento empirico, ma anche come un variegato panorama delle ipotesi e dei problemi teorici connessi a tutte le attività comunicative.

Conoscenze e Abilità, Obiettivi formativi

Il Corso di laurea in Scienze della Comunicazione comprende attività dedicate all'acquisizione delle conoscenze primarie nei vari
campi delle scienze e delle tecnologie della comunicazione e dell'informazione, nonché di metodi propri della ricerca sui media - con particolare riferimento ai new media interattivi e alle loro applicazioni commerciali e sociali - sui pubblici e sulle dinamiche di fruizione e consumo; prevede attività di laboratorio e, in relazione a obiettivi specifici, alcune attività esterne, quali tirocini formativi presso aziende e laboratori, stages e soggiorni anche presso altre Università, italiane e straniere, nel quadro degli accordi nazionali e internazionali dell'Università di Messina.
La specificità del corso consiste nel considerare gli aspetti della comunicazione in tutta la loro potenziale estensione. Non solo, quindi, come un insieme di pratiche dedicate all'apprendimento empirico, ma anche come un variegato panorama delle ipotesi e dei problemi teorici connessi a tutte le attività comunicative. Il Corso, proprio per tale motivo, è stato concepito in interfacoltà, prevede due sedi diverse (Messina e Noto) ed è articolato in curricula, ognuno dei quali si presenta con un profilo specifico ed è collegato ad uno o più possibili percorsi di laurea magistrale.
Le aree in cui saranno formulati i curricula sono:
L'Area della Comunicazione per il marketing e la pubblicità, centrato sull'asse delle competenze semiotico-linguistiche e comunicativo-pubblicitarie, è mirato alla formazione di laureati in grado di muoversi nel mercato delle agenzie pubblicitarie e delle analisi di mercato supportate da competenze statistiche, informatiche e retorico-argomentative specifiche (grafica, grafica pubblicitaria, teorie dell'argomentazione, psicologia della persuasione, etc.).
L'Area della Comunicazione sociale e politica, mirata alla formazione di professionisti in grado di operare efficacemente nel mondo della comunicazione pubblica attraverso l'uso di strumenti espressivi (linguistici, semiotici, filosofici, cognitivi, psicologici) e di tecnologie e metodologie di analisi, produzione e rappresentazione di dati e conoscenze. L'insieme di tali competenze e metodologie apprese sarà tarato per operare efficacemente sul tessuto sociale, sia che si tratti di imprese private che di istituzioni pubbliche (amministrazioni locali, regionali o nazionali), oppure di enti che si occupano dei servizi di pubblica utilità (sanitari, sociali, culturali), di istituzioni non profit (siano esse dedicate alla promozione di ideali e valori socialmente rilevanti o alla difesa di interessi di gruppi specifici), oppure di organizzazioni internazionali o sopranazionali.
L'Area delle tecnologie della comunicazione e dei nuovi media: fotografia, cinema, televisione, web, è quello che più degli altri si fonda su competenze di tipo informatico e multimediale applicate alla produzione di immagini. Esso mira a formare professionalità in grado di spendersi nel mondo delle nuove tecnologie e della comunicazione visuale e, tanto sul versante specificamente informativo e televisivo, quanto su quello dello spettacolo.
L'Area delle Patologie della Comunicazione, incentrato su tematiche di carattere linguistico, filosofico e biologico, intende formare studenti interessati alla comprensione dei fondamenti naturali e sociali dei processi di comunicazione, attraverso l'analisi delle forme di patologia e di devianza che a questi sono connessi, oltrechè ai processi teorici della riabilitazione linguistica e comunicativa.

Conoscenza e comprensione
Al termine degli studi i laureati del Corso devono aver imparato nelle loro linee generali:
a) ad operare in maniera professionale all'interno dello scenario comunicativo mediatico regionale, nazionale e, insieme, globale;
b) a produrre testi e/o altri elaborati in grado da operare come interfaccia tra le strutture e gli utenti nei sistemi organizzativi di tipo aziendale, istituzionale pubblico e commerciale.
c) ad agire professionalmente nella progettazione e nell'elaborazione di attività pubblicitarie e di muoversi in maniera adeguata nel settore delle analisi di mercato;
d) ad elaborare, produrre e adoperare nuove tecnologie della comunicazione visuale sia nel campo giornalistico televisivo, sia in quello turistico culturale, sia infine nell'ambito dello spettacolo e di nuove forme di creazione artistica;
e) ad adoperare le nuove tecnologie multimediali e quelle informatiche nei processi formativi, istituzionali o meno;
f) a conoscere, valutare e, almeno in parte, prepararsi a trattare socialmente le forme di patologia dei diversi processi comunicativi.
Devono inoltre essersi capaci di utilizzare almeno due lingue dell'UE, almeno per i correnti usi della letteratura scientifica e della conversazione didattica.
L'acquisizione di tali conoscenze e della capacità di comprensione viene valutata attraverso colloqui orali e/o test ed elaborati scritti. Su decisione del Consiglio di Corso di Laurea si potranno prevedere sia attività formative integrative e parallele a quelle curriculari, anche al di fuori del numero complessivo dei CFU, sia anche ulteriori modalità di verifica, più direttamente collegate alle professionalità acquisite (progettazione di format radiofonici e televisivi, di pagine redazionali, di campagne pubblicitarie, etc.).
Capacità di applicare conoscenza e comprensione
I laureati in Scienze della Comunicazione dovranno dimostrare la capacità di applicare le conoscenze acquisite:
a) nel campo delle attività redazionali nei diversi settori del campo mediatico, mostrando familiarità e dimestichezza nell'uso delle tecnologie (videoscrittura, impaginazione, fogli di calcolo, desktop presentation, etc.) e nelle tecniche retoriche dell'esposizione (capacità di stendere report, relazioni, sequenze strutturate di appunti, schede di lettura e sintesi) realizzando testi dotati di forte potere argomentativo;
b) nell'elaborazione di strategie comunicative all'interno di enti pubblici e/o aziende private, con particolare attenzione per la mediazione tra struttura (azienza) e utenza (pubblico e clienti). Quindi capacità di organizzare tutti i materiali comunicativi in maniera razionale, chiara e sintetica, efficace sia dal punto di vista dei contenuti che da quello delle forme espressive;
c) nella produzione e nell'utilizzo delle tecnologie multimediali e informatiche sia nel campo dei media (fotografia digitale, video-editing, sistemi di e-learning, programmazione avanzata e intelligente per il WEB, etc.), sia in quello della formazione (tecniche psicologiche di comunicazione efficace, capacità organizzativa di gruppi e comunità, abilità nel mobilitare risorse umane, etc.);
d) nella messa a punto di strategie di marketing e nell'elaborazione di campagne pubblicitarie attraverso la stesura di piani di comunicazione, redazione di grafici statistici, di analisi crono-temporali, planning, supporti mediatici (fotografia, video-spot, presentazioni, musiche e colonne sonore, etc.);
e) nella gestione comunicativa di eventi culturali, artistici e di forme diverse di spettacolo (organizzazione di eventi congressuali, Tali capacità pratiche vengono valutate sia attraverso esperienze dirette (stages e tirocini presso redazioni di quotidiani e radiotelevisive, agenzie pubblicitarie, enti e associazioni culturali, istituzioni pubbliche o aziende private presenti sul territorio; ricerche), sia proponendo nel corso dei tre anni di Corso degli specifici laboratori al termine dei quali elaborare prodotti finali reali connessi alle pratiche acquisite.

Autonomia di giudizio I laureati in Scienze della Comunicazione dovranno acquisire capacità di valutazione critica dell'insieme delle conoscenze loro proposte dall'offerta formativa, mostrando di essere in grado di riorganizzare in maniera autonoma le diverse competenze e prospettive teorico-scientifiche loro sottoposte. Dovranno, inoltre, mostrarsi capaci di operare una continua oggettivazione critica delle condizioni tecnologiche, estetiche, etiche, e soprattutto sociali e politiche e della più generale e globale economia politica all'interno della quale tutti i processi comunicativi prendono forma, oggi, nella globalità della società della conoscenza. Dovranno quindi riuscire a mettere in atto una continua analisi del proprio specifico collocamento all'interno dei flussi comunicativi, insieme globali e locali, che si trovano a dover controllare e all'interno dei quali dovranno necessariamente interagire.
La verifica di una simile capacità verrà affidata sia ad esercizi di lettura critica di testi scientifici, sia a forme di simulazione guidata (giochi di ruolo) capaci di rendere problematico il senso di familiarità quotidiana con gli strumenti e le forme del comunicare che sembra essere proprio delle società moderne e postmoderne.

Abilità comunicative I laureati in Scienze della comunicazione dovranno chiaramente evidenziare:
a) la capacità di esprimersi in maniera chiara, con proprieta di scelta dei vocaboli, anche in relazione ai lessici professionali e scientifici delle discipline del corso, adeguandosi comunque alle capacità dell'uditorio;
b) la capacità di scrivere fluentemente ma senza verbosità, e, sapendo variare le forme finali appositamente progettate allo scopo: dalla relazione didascalica e dettagliata, al working paper con
Abilità comunicative
funzione di informazione sulle attività didattiche e di ricerca;
c) l'abilità a rispettare la tempistica della comunicazione pubblica, senza sforamenti o improvvise chiusure;
d) una generale padronanza degli strumenti e gli ausili per la rappresentazione delle idee: dal desktop presentation, all'audiovisivo, all'uso della grafica statistica, delle tabelle numeriche, dei grafi esemplificativi o simbolici, delle illustrazioni, fotografie, filmati e quant'altro richiesto dalla tecnologia di rappresentazione multimediale delle conoscenze;
f) la possibilità di esprimersi in quanti più idiomi possibili.
Per raggiungere queste abilità il percorso formativo dedicherà, per quanto riguarda le competenze empiriche ottenibili con un apposito addestramento, CFU specifici ai laboratori di scrittura, a quelli linguistici, semiotici, informatici e multimediali. La formazione delle sovrastrutture profonde delle capacità comunicative non possono che ritrovarsi nelle discipline teoreticamente, storicamente, socialmente fondate, quali i saperi filosofici, sociologici e psicologici, tutti oggetto di corsi frontali e di approfondimenti seminariali. La verifica è prevista con scadenze periodiche che non coincideranno con quelle degli esami di profitto e saranno scadenzate, sia sotto forma di scritti individuali, che di lavori con relazioni di gruppo, che di altre forme di rappresentazione delle conoscenze acquisite, soprattutto nel corso del secondo semestre di ogni anno.

Capacità di apprendimento Insieme ad una capacità di apprendimento delle specifiche competenze scientifiche e tecnico-pratiche, i laureati in Scienze della Comunicazione dovranno mostrare una marcata plasticità conoscitiva e una forte elasticità performativa. Qualità, queste, particolarmente utili ad affrontare sia una campo di saperi molteplici e fortemente interconnessi (dalle scienze sociali a quelle informatiche, dalle tecnologie della comunicazione alle indagini statistiche e di mercato, dai fondamenti naturali dei sistemi comunicativi alle simulazioni multimediali), sia un mercato del lavoro fluido e variegato.
Allo scopo di rendere più concreta tale capacità di apprendimento, e nel contempo di verificarla operativamente, il Coso di Laurea pone l'accento su attività didattiche, di tipo classico e, soprattutto, di laboratorio, di carattere interdisciplinare.

 

 

Sbocchi occupazionali

Operatori della comunicazione per il marketing e la pubblicità
funzione in un contesto di lavoro:
Addetti agli uffici stampa e comunicazione degli enti pubblici e privati; operatori dei processi di comunicazione nelle attività commerciali, negli uffici di ricerca e promozione pubblicitaria della produzione; esperti nella redazione dei piani di comunicazione di impresa e nelle loro proiezioni di marketing e pubblicità attraverso la progettazione e luso dei nuovi media.
Competenze associate alla funzione:
Attivare e mantenere rapporti costanti con possibili agenti promotori di impresa (parti sociali, organi di stampa, giornalisti, responsabili di media, editori, etc.). Organizzare idee, risorse, finanziarie e umane, per la progettazione di campagne informative. Preparare e produrre testi e materiale multimediale nel settore pubblicitario, dell'informazione commerciale, nella promozione di imprese private e pubbliche.
sbocchi professionali:
- Nelle aziende private, in particolare nel settore commerciale e in quello dei consumi, per la gestione dei diversi livelli di comunicazione con l'utenza.
- Nel settore della pubblicità, attraverso la formazione di cooperative di servizi o l'assunzione in agenzie già operanti nel territorio, come redattori e organizzatori dei piani comunicativi aziendali e responsabili delle politiche pubblicitarie.
- Professionisti e consulenti di agenzie pubblicitarie.
- Analisti qualitativi e quantitativi di prodotti mediali, pubblicitari e valutativi.

Esperti della comunicazione sociale e politica
funzione in un contesto di lavoro:
Il profilo configura esperti nelle attività professionali di istituzioni, enti locali, ed organizzazioni pubbliche e private che operano nei territori comunali, regionali, nazionali e internazionali, per lanalisi e la gestione dei processi comunicativi ed informativi, formali ed informali, atti a favorire la produzione di buone pratiche nelle attività amministrative, politiche e sociali.
competenze associate alla funzione:
Attivare e mantenere, per conto di pubbliche ammministrazioni o altri enti politico-sociali, rapporti costanti con parti sociali, organi di stampa, sindacati, camere di commercio, etc.
Sviluppare piani di comunicazione sociale e pubblica curando particolarmente la redazione di testi di facile leggibilità attraverso specifici processi di natura linguistica, espressiva, argomentativa.

Organizzare idee, risorse, finanziarie e umane, per la progettazione di campagne informative pubbliche per argomenti di interesse collettivo e sociale.
sbocchi professionali:
- Membri degli organi per rapporti con i cittadini dei corpi legislativi e di governo;
- Quadri della pubblica amministrazione per i rapporti con i corpi sociali e con i cittadini;
- Quadri di organizzazioni per i rapporti politico-sociali di interesse nazionale e sovranazionale;

- Quadri di grandi aziende private per le relazioni con il pubblico;
- Quadri di organizzazioni del Terzo settore per le relazioni sociali e istituzionali;
- Esperti di comunicazione nellorganizzazione di campagne elettorali.

Tecnologi della comunicazione, dell'informazione e dei nuovi media
funzione in un contesto di lavoro:
Operatori e progettisti specializzati nelle tecnologie informatiche, multimediali e di rete, applicati ai processi comunicativi e alla creazione di contenuti culturali per enti e imprese pubbliche e private.
competenze associate alla funzione:
Elaborare specifici contenuti culturali per le infrastrutture di comunicazione che operano attraverso i nuovi media e la rete. Conoscere e saper operare nei principali settori di attività mediatica (radio e televisione, editoria digitale, cinema, fotografia, video, web) applicando le tecnologie a specifici scopi comunicativi elaborati di volta in volta per lutenza.
Sbocchi professionali:

I principali sbocchi occupazionali comprendono i settori cinematografico e radio-televisivo tradizionali, i settori della produzione multimediale (prodotti multimediali e audiovisivi, etc.), i settori dei servizi avanzati (pubblicità e marketing, informatica, etc.) e la Pubblica Amministrazione.
Esperti nei processi di patologie della comunicazione
funzione in un contesto di lavoro:
Il profilo vuol formare operatori specificamente preparati ad intervenire nelle situazione di patologie comunicative, sia introdotte dai soggetti (patologie sociali, soggetti diversamente abili) sia causate dai contesti (tecnologie del rumore comunicativo, densità delle reti comunicative, degrado degli ambienti cognitivi e sociali).
Competenze associate alla funzione:

Riorganizzare i processi di comunicazione nei soggetti diversamente abili o portatori di svantaggi sociali. Riattivazione dei processi linguistici, espressivi e argomentativi attraverso tecniche di comunicazione cognitiva. Sostegno operativo ai processi di comunicazione per enti pubblici e privati preposti alla riabilitazione cognitiva e linguistica.
sbocchi professionali:
Nelle équipes dei centri di ricerca e di rieducazione per soggetti diversamente abili;
Nei centri di studio delle patologie linguistiche e cognitive;
Negli enti locali che devono organizzare attività di comunicazione per soggetti portatori di handicap linguistici e cognitivi.

Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT)
1. Specialisti delle pubbliche relazioni, dell'immagine e professioni assimilate - (2.5.1.6.0) 2. Redattori di testi per la pubblicità - (2.5.4.1.3)
3. Redattori di testi tecnici - (2.5.4.1.4)
4. Specialisti nell'educazione e nella formazione di soggetti diversamente abili - (2.6.5.1.0) 5. Intervistatori e rilevatori professionali - (3.3.1.3.2)
6. Tecnici del marketing - (3.3.3.5.0)
7. Tecnici della pubblicità - (3.3.3.6.1)
8. Tecnici delle pubbliche relazioni - (3.3.3.6.2) 9. Agenti di pubblicità - (3.3.4.4.0)
10. Istruttori di tecniche in campo artistico - (3.4.2.3.0)
11. Presentatori di performance artistiche e ricreative - (3.4.3.1.2)
12. Tecnici dell'organizzazione della produzione radiotelevisiva, cinematografica e teatrale - (3.4.3.2.0) 13. Grafici - (3.4.4.1.1)

 

 

Consultazione con le organizzazioni rappresentative:

 

In data 11/03/2011, nei locali dell'Aula Magna dell'Università degli Studi di Messina, si è svolto, a livello locale, l'incontro con le Organizzazioni rappresentative del mondo del lavoro, della produzione, dei servizi e delle professioni (tra questi il Direttore del C.S.A., il Direttore della Biblioteca Regionale di Messina, il rappresentante dell'IPASVI, l'ordine degli Ingegneri, l'Ordine dei Chimici,Ordine dei Giornalisti, l'Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri, il presidente della Confindustria sezione di Messina,) per una consultazione sugli ordinamenti didattici dei corsi di laurea proposti dall'Ateneo per l'a.a. 2011/2012.Il Magnifico Rettore, Prof. Francesco Tomasello, ha evidenziato che, con l'A.A. 2011/2012 l'Università di Messina ha proceduto alla trasformazione dei corsi di Laurea e Laurea Magistrale delle Professioni Sanitarie in conformità, rispettivamente, al D.M. 19/02/2009 ed al D.M. 08/01/2009.

Nel corso dell'incontro è stato ampiamente sottolineato l'impegno dell'Ateneo ad orientare la propria programmazione verso la promozione di interessi mirati alla razionalizzazione ed alla qualificazione dell'Offerta Formativa al fine di migliorare ed incentivare la qualità, l'efficienza e l'efficacia dei percorsi formativi in modo che, pur non rinunciando ai saperi tradizionali, questa possa validamente rispondere alle esigenze occupazionali del territorio.
Proprio in tale contesto si inserisce la strategica iniziativa dell'Ateneo finalizzata all'istituzione di un Osservatorio sui fabbisogni di formazione e innovazione che rappresenti un chiaro punto di riferimento sul territorio.Questo nuovo organismo, che avrà una caratura scientifica e svilupperà la propria attività all'interno delle strutture dell'Ateneo, si occuperà di analizzare le dinamiche del mercato del lavoro in stretta ed attiva collaborazione con le parti sociali.

La proposta ha incontrato l'immediata condivisione delle Organizzazioni presenti, le quali, a conclusione dell'incontro, hanno espresso giudizio ampiamente favorevole su tutti i corsi di laurea offerti dall'Ateneo per l'a.a. 2011/2012 e ribadendo peraltro come il fare sistema tra Università, parti sociali ed ordini professionali, sia l'unica strada per dare risposte concrete alla sfida occupazionale nel territorio dei prossimi anni.
Il Corso di Laurea ha programmato proprie scadenze biennali per monitorare il parere delle parti sociali sia attraverso convocazione diretta alla fine del biennio sia tramite documenti e studi di settore relativi agli ambiti del Corso di studi. I risultati della riprogrammazione saranno pronti a partire dalla fine del 2013 e saranno utilizzati anche per la prima revisione del Rapporto del riesame

Requisiti di ammissione:

L'iscrizione al Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione è consentito a quanti siano in possesso di un Diploma di Scuola Secondaria Superiore (o altro titolo conseguito all'estero e riconosciuto equipollente sulla base della normativa vigente). In particolare si richiede agli immatricolati una conoscenza, anche solo manualistica, delle coordinate spazio/temporali nelle quali si inscrivono le principali vicende intellettuali, politico-sociali, economiche e culturali in genere, degli ultimi tre secoli di storia mondiale. Si ritiene inoltre importante una conoscenza, anche generica, delle principali articolazioni dello scenario mediatico contemporaneo e di alcune tecniche comunicative.Sarà ritenuto utile il possesso di conoscenze e abilità informatiche e la conoscenza, seppure non approfondita, di almeno una lingua dell'UE.
Il Corso di Laurea si riserva, dopo opportuna verifica da effettuarsi nel corso del primo mese di attività accademica, attraverso forme di orientamento in ingresso e di tutorato, di individuare specifiche modalità didattiche di recupero di eventuali carenze.

Prova finale:

La prova finale consiste nella redazione di un elaborato finale inerente le diverse dimensioni dei processi, delle tecniche e delle tecnologie della comunicazione. L'elaborato potrà consistere in un testo scritto, in una produzione multimediale, o anche audio e/o video, attraverso cui il candidato possa dimostrare di aver acquisito la capacità di muoversi in forma consapevole, autonoma e, se possibile critico-creativa, nell'utilizzo delle tecniche della comunicazione, delle tecnologie a questa legate, e nella comprensione delle dimensioni sociali, politiche e culturali dei processi comunicativi.

La prova finale sarà discussa in seduta pubblica con una Commissione nominata in base al Regolamento didattico di Dipartimento. Alla attribuzione del voto di laurea, che esprimerà in centodecimi la valutazione complessiva, concorreranno la media dei voti riportati nei singoli esami di profitto, la qualità dei crediti acquisiti e la valutazione stessa dell'elaborato finale prodotto dallo studente. Le attività relative alla preparazione della prova finale per il conseguimento della laurea saranno svolte dallo studente sotto la supervisione di un docente. L'elaborato potrà essere redatto anche in una lingua diversa dall'Italiano.

 

Aule (che sono utilizzate per le lezioni):

La varietà e la complessità dell'offerta didattica del Dipartimento CSECS richiede l'utilizzo di un notevole numero di aule e laboratori dislocati in diverse sedi: SEDE DI MESSINA (ISTITUTO SAN LUIGI - Viale Regina Margherita):
Aula Teatro - Grandissime lezioni, videoproiezione
Aula 1- Lezioni e videoproiezione
Aula 2- Lezioni Ist. San Luigi
Aula 3 - Lezioni e videoproiezione Ist.
Aula 4 - Lezioni Ist. San Luigi p. Primo
Aula 5 - Lezioni Ist. San Luigi p. Primo
Aula 6 - Lezioni Ist. San Luigi p. Primo
Aula 8- Grandi lezioni, videoproiezione Ist. San Luigi p. Primo
Aula 10 - Lezioni Ist. San Luigi p. Primo
Aula 11 - Grandi lezioni Ist. San Luigi p. Terra
Aula 12 - Sala Don Bosco - Grandi lezioni Ist. San Luigi p. Terra
Aula 13 - Aula grandissime lezioni Ist. San Luigi p. Secondo
SEDE DI MESSINA (VIA CONCEZIONE N.6-8 Sede principale CSECS):
Aula 2 - Lezioni e videoproiezione p. Terra
Aula 3 - Grandi lezioni e videoconferenza p. Terra
Aula 4 - Lezioni e videoproiezione p. Terra
Aula 5 - Lezioni e videoproiezione p. Terra
Aula 6 - Grandi lezioni e videoproiezione p. Terra
Aula 7 - Lezioni e videoproiezione Piano zero
Aula 8 - Lezioni e videoproiezione Piano zero
Aula 9 - Lezioni e videoproiezione Piano zero
Aula Via Concezione 10 - Filosofia p. Terra
Aula Via Concezione 10 - Antropologia e Sociologia Terra
Aula Magna (Tecnologicamente attrezzata) p. Primo
SEDE DI MESSINA (Via Consolare Pompea, Villa Pace):
Stanza N.1 - Lezioni e Consultazioni p. Terra
Stanza N.2 - Lezioni e Consultazioni p. Terra
SEDE DI NOTO (Palazzo Giavanti): Aula Conferenze - Grandissime lezioni, videoproiezione p. Terra
Aula 1 - Lezioni Palazzo Giavanti p.Terra
Aula 2- Lezioni Palazzo Giavanti p. Terra
Aula 3 - Lezioni Palazzo Giavanti p. Terra
Aula 4 - Lezioni Palazzo Giavanti p. Terra
Aula 5 - Lezioni Palazzo Giavanti p. Terra
Aula 6 - Lezioni - grandi lezioni - Videoproiezioni Palazzo Giavanti p. Terra
Aula Magna - Grandissime lezioni - Videoproiezioni Palazzo Giavanti p. Primo
Aula Sala Fondazione - Grandi lezioni - videoproiezioni Palazzo Giavanti p. Primo
Aula Sala Dipartimento - Grandi lezioni - videoproiezioni Palazzo Giavanti p. Primo
Auditorium e sala di regia (in completamento) Palazzo Giavanti p. Primo

Laboratori e aule informatiche (che sono utilizzate per le lezioni):

SEDE DI MESSINA (Viale Regina Margherita - Istituto San Luigi):
Aula 7 - Laboratorio Ist. San Luigi p. Primo
Aula 9 - Laboratorio Ist. San Luigi p. Primo
SEDE DI MESSINA ( Via Concezione n. 6/8, sede principale CSECS):
Aula- Servizi didattici e laboratori p.Terra
Aula 1-Laboratorio informatica p.Terra
Aula 10-Laboratorio multimediale p. Piano zero
Biblioteca SBA e laboratorio informatico p. Primo
SEDE DI NOTO (Palazzo Giavanti, Via Sofia 78 - SR):
Laboratorio e camera oscura attrezzata Palazzo Giavanti p. Primo
Aula SBA e Laboratorio informatico Palazzo
Sale studio (a disposizione degli studenti del CdS):

SEDE DI MESSINA (Via Concezione 6/8 - Sede principale CSECS) Biblioteca con sala di Lettura Piano zero
Biblioteca con sala di Lettura Piano Terra
Biblioteca con sala di Lettura Primo
SEDE DI MESSINA (Via Consolare Pompea, Villa Pace):
Stanza N.1 - Lezioni e Consultazioni p. Terra
Stanza N.2 - Lezioni e Consultazioni p. Terra
SEDE DI NOTO (Palazzo Giavanti, Via Sofia 78 SR):
Biblioteca con sale di Lettura Palazzo Giavanti p. Terra
Biblioteche (contenenti materiale relativo al CdS):

SEDE DI MESSINA (Via Concezione 6/8 - Sede principale CSECS):
Scaffalature Biblioteca in sale dipartimentali Tutto l'edificio
Depositi bibliotecari Piano zero
Biblioteca con sala di Lettura Piano zero
Biblioteca con sala di Lettura Piano Terra
Biblioteca con sala di Lettura Piano Primo
Biblioteca SBA e laboratorio informatico p. Primo
SEDE DI MESSINA (Via Consolare Pompea, Villa Pace):
Stanza N.1 - Lezioni e Consultazioni p. Terra
Stanza N.2 - Lezioni e Consultazioni p. Terra
SEDE DI NOTO (Palazzo Giavanti, Via Sofia 78 -SR):
Aula SBA e Laboratorio informatico Palazzo Giavanti p. Primo
Biblioteca con sale di Lettura Palazzo Giavanti p. Terra
Servizi di contesto (orientamento e assistenza):

Il corso di laurea in Scienze della Comunicazione predispone periodici incontri di orientamento in ingresso, in itinere ed in uscita. Commissione per l'orientamento prof.ssa Amelia GANGEMI - responsabile delle attività di orientamento prof. Francesco PARISI dott.ssa Assunta PENNA Il corso di laurea, anche al fine di favorire l'inserimento lavorativo dei propri studenti, stringendo un vero e proprio "patto di alleanza" con il territorio, ha ritenuto opportuno stipulare un numero molto consistente di convenzioni con enti di diversa natura (associazioni che operano sul territorio e associazioni socioculturali, testate giornalistiche, assessorato ai beni culturali, biblioteche, telecomunicazioni, consultori, enti pubblici) presso i quali gli studenti svolgono tirocini o stage. Il CdS ha inoltre promosso contatti tra aziende che svolgono attività nei settori inerenti il CdS (pubblicità e marketing; comunicazione; giornalismo, grafica) e gli studenti, attraverso la stipula di convenzioni per stage e tirocini formativi professionalizzati L'elenco è disponibile e consultabile presso il sito del Corso di laurea. Commissione per la mobilità internazionale degli studenti prof.ssa Amelia GANGEMI prof. ssa Valentina CARDELLA dott.ssa Assunta PENNA
Opinioni degli studenti: Dato non disponibile
Opinioni dei laureati: Dato non disponibile
Creato il 2013-07-12 10:47:27, modificato il 2016-03-14 14:33:40 da Assunta Penna


Le informazioni visualizzate di seguito si riferiscono all’attività didattica erogata, e quindi, per i corsi di nuova attivazione, sarà riportato solo il primo anno, mentre per i corsi già attivi i soli anni di corso erogati. Per consultare la programmazione completa del corso è necessario selezionare il Piano didattico, riportato nel TAB “Info Generali”.

Orario delle lezioni: Dato non disponibile
Esami: Elenco degli Appelli
Elenco dei Percorsi

Dati estratti da: unimesse3
Ultimo aggiornamento: 07/08/2017

Creato il 2013-07-12 10:47:27, modificato il 2016-03-14 14:33:40 da Assunta Penna

Docenti

DocenteSSD
AQUECI FRANCESCOM-FIL/03
ARICO' NICOLAICAR/18
ASSENZA ANNAVET/02
ASSENZA ELVIRAL-FIL-LET/12
BARBERI MARIA STELLASPS/01
BARILARO CATERINAM-GGR/01
BRUNI DOMENICAM-FIL/05
BUCCA ANTONINOM-FIL/05
CAMPIONE FRANCESCO PAOLOM-FIL/04
CAPONE ALESSANDRO
CARDELLA VALENTINAM-FIL/05
CARZO DOMENICOSPS/08
CAVALIERI ROSALIAM-FIL/05
EPASTO ALDO ATTILIOM-PED/03
FAETA FRANCESCOM-DEA/01
FALZONE ALESSANDRAM-FIL/05
FUGALI EDOARDO AUGUSTOM-FIL/01
GANGEMI AMELIAM-PSI/01
GARGANO ROMANASECS-S/01
GERACI MAUROM-DEA/01
GIUSPOLI PAOLOM-FIL/01
GRASSO FILIPPOSECS-S/03
GRAZIANO MARIOM-FIL/02
IANNIZZOTTO GIANCARLOING-INF/05
LAGANA' MASSIMOL-LIN/12
LOMBARDO GIOVANNIM-FIL/04
LUVERA' CONSUELOM-FIL/03
MICHELIN ANTONINOM-PED/01
MURDACA ANNA MARIAM-PED/03
NERI DEMETRIOM-FIL/03
NUCERA SEBASTIANOSPS/08
NUCITA ANDREAINF/01
OTRANTO EDOARDOSECS-S/01
PARISI FRANCESCOL-ART/06
PENNISI ANTONIOM-FIL/05
PERCONTI PIETROM-FIL/05
PLEBE ALESSIOM-FIL/02
PORTO CARMELO MARIAM-GGR/02
SCIANNA CATERINABIO/08
SMERIGLIO DONATELLOM-PED/03
TOMASELLO DARIOL-FIL-LET/11
VAIANA LEONARDAM-FIL/06
VERSACE ALESSANDROM-PED/01

Docenti titolari di insegnamento

DocenteSSD
AQUECI FRANCESCOM-FIL/03
ARICO' NICOLAICAR/18
ASSENZA ANNAVET/02
ASSENZA ELVIRAL-FIL-LET/12
BARBERI MARIA STELLASPS/01
BARILARO CATERINAM-GGR/01
BRUNI DOMENICAM-FIL/05
BUCCA ANTONINOM-FIL/05
CAMPIONE FRANCESCO PAOLOM-FIL/04
CAPONE ALESSANDRO
CARDELLA VALENTINAM-FIL/05
CARZO DOMENICOSPS/08
CAVALIERI ROSALIAM-FIL/05
EPASTO ALDO ATTILIOM-PED/03
FAETA FRANCESCOM-DEA/01
FALZONE ALESSANDRAM-FIL/05
FUGALI EDOARDO AUGUSTOM-FIL/01
GANGEMI AMELIAM-PSI/01
GARGANO ROMANASECS-S/01
GERACI MAUROM-DEA/01
GIUSPOLI PAOLOM-FIL/01
GRASSO FILIPPOSECS-S/03
GRAZIANO MARIOM-FIL/02
IANNIZZOTTO GIANCARLOING-INF/05
LAGANA' MASSIMOL-LIN/12
LOMBARDO GIOVANNIM-FIL/04
LUVERA' CONSUELOM-FIL/03
MICHELIN ANTONINOM-PED/01
MURDACA ANNA MARIAM-PED/03
NERI DEMETRIOM-FIL/03
NUCERA SEBASTIANOSPS/08
NUCITA ANDREAINF/01
OTRANTO EDOARDOSECS-S/01
PARISI FRANCESCOL-ART/06
PENNISI ANTONIOM-FIL/05
PERCONTI PIETROM-FIL/05
PLEBE ALESSIOM-FIL/02
PORTO CARMELO MARIAM-GGR/02
SCIANNA CATERINABIO/08
SMERIGLIO DONATELLOM-PED/03
TOMASELLO DARIOL-FIL-LET/11
VAIANA LEONARDAM-FIL/06
VERSACE ALESSANDROM-PED/01

Università degli Studi di Messina - Piazza Pugliatti, 1 - 98122 Messina - tel. +39 090 6761
Cod. Fiscale 80004070837 - P.IVA 00724160833