A.A. 2016/2017

[3400/2011] - TECNICHE DI NEUROFISIOPATOLOGIA


Coordinatore del Corso: Prof. Paolo Girlanda
Classe del Corso: L/SNT3 - Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Diagnostiche
Sedi del Corso: Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico "Gaetano Martino" (Pad. E - 2° Piano) - 98125 Messina
Durata minima del Corso: 3
e-mail del Coordinatore: paolo.girlanda@unime.it
telefono del Coordinatore: +39 090 2212792
Rappresentante degli Studenti: Dato non disponibile
Telefono Segreteria Studenti: +39 090 6768582 - 8583 - 8586 - 8589 - 8581 - 8584
fax Segreteria Studenti: -
Manifesto degli Studi: Manifesto degli Studi CdL TNFP aa1516 DM 270 completo
Piano didattico:
Regolamento didattico: Regolamento Didattico CdL TNFP aa1516 DM 270
Calendario didattico: Link
Sedute di laurea: Link
Introduzione

Il Corso di Laurea in Tecniche di Neurofisiopatologia, ha durata triennale e rilascia il titolo di Laurea in Dottore in Tecniche di Neurofisiopatologia, abilitante all’esercizio professionale (Classe SNT/3: Classe delle lauree in Professioni Sanitarie Tecniche Diagnostiche). 

Conoscenze e Abilità, Obiettivi formativi

Il profilo professionale dei laureati dovrà comprendere la conoscenza degli aspetti teorici e pratici inerenti la diagnostica delle patologie del sistema nervoso e il raggiungimento della capacità di applicare direttamente, su prescrizione medica, le metodologie diagnostiche specifiche nel campo neurologico e neurochirurgico (elettroencefalografia, elettroneuromiografia, poligrafia, potenziali evocati, ultrasuoni). I laureati dovranno aver raggiunto la capacità di: applicare le metodiche più idonee per la registrazione dei fenomeni bioelettrici, con diretto intervento sul paziente e sulle apparecchiature ai fine della realizzazione di un programma di lavoro diagnostico-strumentale o di ricerca neurofisiologica predisposto in stretta collaborazione con il medico specialista; gestire compiutamente il lavoro di raccolta e di ottimizzazione delle varie metodiche diagnostiche, sulle quali, su richiesta devono redigere un rapporto descrittivo sotto l’aspetto tecnico; assumere diretta responsabilità nell’applicazione e nel risultato finale della metodica diagnostica utilizzata; impiegare metodiche diagnostico-strumentali per l’accertamento dell’attività elettrocerebrale ai fini clinici e/o medico-legali; provvedere alla predisposizione e controllo della strumentazione e delle apparecchiature in dotazione. I laureati nel corso di laurea in Tecniche di Neurofisiopatologia svolgeranno l’attività di Tecnico di Neurofisiopatologia nei vari ruoli ed ambiti professionali pubblici e privati, sanitari e bio-medici. 

Sbocchi occupazionali

I laureati Tecnici di Neurofisiopatologia sono, ai sensi della Legge 10 agosto 2000, n. 251 “Disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche,tecniche, della riabilitazione, della prevenzione nonché della professione ostetrica”, operatori delle professioni sanitarie dell'Area Tecnico-Diagnostica cui competono le attribuzioni dal D.M. del Ministero della sanità 15 marzo 1995, n.183 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero svolgono la loro attività nell'ambito della diagnosi delle patologie del sistema nervoso, applicando direttamente, su prescrizione medica, le metodiche diagnostiche specifiche in campo neurologico e neurochirurgico (elettroencefalografia, elettroneuromiografia, poligrafia, potenziali evocati, ultrasuoni).

I laureati in tecniche di diagnostica neurofisiopatologica applicano le metodiche più idonee per la registrazione dei fenomeni bioelettrici, con diretto intervento sul paziente e sulle apparecchiature ai fini della realizzazione di un programma di lavoro diagnostico-strumentale o di ricerca neurofisiologica predisposto in stretta collaborazione con il medico specialista; gestiscono compiutamente il lavoro di raccolta e di ottimizzazione delle varie metodiche diagnostiche, sulle quali, su richiesta devono redigere un rapporto descrittivo sotto l'aspetto tecnico; hanno dirette responsabilità nell'applicazione e nel risultato finale della metodica diagnostica utilizzata; impiegano metodiche diagnostico-strumentali per l'accertamento dell'attività elettrocerebrale ai fini clinici e/o medico-legali; provvedono alla predisposizione e controllo della strumentazione delle apparecchiature in dotazione; esercitano la loro attività in strutture sanitarie pubbliche e private, in regime di dipendenza o libero professionale. 

 

Consultazione con le organizzazioni rappresentative:

In data 11/03/2011, nei locali dell'Aula Magna dell'Università degli Studi di Messina, si è svolto, a livello locale, l'incontro con le Organizzazioni rappresentative del mondo del lavoro, della produzione, dei servizi e delle professioni per una consultazione sugli ordinamenti didattici dei corsi di laurea proposti dall'Ateneo.
Il Magnifico Rettore,  ha evidenziato che, con l'A.A. 2011/2012 l'Università di Messina ha proceduto alla trasformazione dei corsi di Laurea e Laurea Magistrale delle Professioni Sanitarie in conformità, rispettivamente, al D.M. 19/02/2009 ed al D.M. 08/01/2009.
Nel corso dell'incontro è stato ampiamente sottolineato l'impegno dell'Ateneo ad orientare la propria programmazione verso la promozione di interessi mirati alla razionalizzazione ed alla qualificazione dell'Offerta Formativa al fine di migliorare ed incentivare la qualità, l'efficienza e l'efficacia dei percorsi formativi in modo che, pur non rinunciando ai “saperi” tradizionali, questa possa validamente rispondere alle esigenze occupazionali del territorio.
In tale contesto, appare fondamentale, nell'ottica della progettazione o rimodulazione dell'impianto dei suddetti percorsi, il confronto nonché il coinvolgimento costante con il sistema delle imprese e delle istituzioni territoriali al fine di individuare ed aggiornare i fabbisogni attesi dallo stesso mondo produttivo e dalle forze sociali.
Proprio in tale contesto si inserisce la strategica iniziativa dell'Ateneo finalizzata all'istituzione di un Osservatorio sui fabbisogni di formazione e innovazione che rappresenti un chiaro punto di riferimento sul territorio.
Questo nuovo organismo, che avrà una “caratura scientifica” e svilupperà la propria attività all'interno delle strutture dell'Ateneo, si occuperà di analizzare le dinamiche del mercato del lavoro in stretta ed attiva collaborazione con le parti sociali.
La proposta ha incontrato l'immediata condivisione delle Organizzazioni presenti le quali, a conclusione dell'incontro, hanno ribadito come il “fare sistema” tra Università, parti sociali ed ordini professionali, sia l'unica strada per dare risposte concrete alla sfida occupazionale nel territorio dei prossimi anni.
Quanto prima si programmerà un nuovo incontro con le Associazioni di categoria e gli studenti per un maggiore inserimento di questi ultimi nelle attività formative.
Il CdL ha partecipato con alcuni docenti alla Conferenza permanente dei CdL delle professioni sanitarie per un aggiornamento costante sulle problematiche del Corso.
Si prevede di inviare studenti ai prossimi Congressi Nazionali per un migliore inserimento nel mondo del lavoro.

Requisiti di ammissione:

Possono essere ammessi al corso di laurea in Tecniche di Neurofisiopatologia candidati in possesso di diploma di scuola media
superiore o di titolo estero equipollente, ai sensi del D.M. 3 novembre 1999, n. 509 Regolamento recante norme concernenti
l'autonomia didattica degli atenei, art. 6, comma 1 e che siano qualificati in posizione utile all'esame di ammissione.
Sono consentiti i passaggi da un Corso di Laurea all'altro di Area Sanitaria, senza ripetere il concorso di ammissione dietro rilascio di nulla osta da parte del Consiglio di Struttura Didattica Il numero massimo degli studenti iscrivibili a ciascun Corso di Laurea è stabilito dalle competenti Autorità in relazione alle strutture ed al personale docente disponibile. Il numero programmato di accessi al primo anno di corso è definito ai sensi dell'art. 3, c.2 della Legge 264 del 2 settembre 1999 Norme in materia di accesso ai corsi universitari. Il termine ultimo per l'iscrizione al primo anno del corso di laurea in Tecniche di neurofisiopatologia viene fissato annualmente dal Consiglio di Facoltà

Prova finale:

Per accedere alla prova finale, lo studente deve avere superato con esito positivo tutti gli esami previsti, compresi quelli relativi
all'attività di tirocinio, e avere acquisito i rispettivi crediti. Per il conseguimento della Laurea, il Regolamento Didattico di Facoltà
disciplina, accanto o in sostituzione di prove consistenti nella discussione di un elaborato scritto o di una prova scritta di varia
entità, il sostenimento di una prova espositiva finalizzata ad accertare il raggiungimento degli obiettivi formativi qualificanti del
Corso. Il Regolamento Didattico di Facoltà disciplina le modalità della prova finale, che deve tenere conto dell'intera carriera dello
studente, dei tempi e di acquisizione dei crediti formativi, delle valutazioni sulle attività formative precedenti e sulla prova finale

Aule (che sono utilizzate per le lezioni):

Aula Montanini - Aula Ex Opus IRCCS (Centro Neurolesi) - Aula Magna della Ricerca IRCCS (Centro Neurolesi) - Auletta coordinamento trapianto

Laboratori e aule informatiche (che sono utilizzate per le lezioni):

Laboratorio di Stimolazione Magnetica Trans-cranica (Centro Neurolesi/Policlinico) - Laboratorio di Neurofisiologia 1 (Elettromiografia) (Centro Neurolesi/Policlinico) - Laboratorio di elettroencefalografia (Centro Neurolesi/Policlinico) - Laboratorio di Potenziali evocati (Centro Neurolesi/Policlinico) - Laboratorio di Neurosonologia (Centro Neurolesi) - Laboratorio di Neurorobotica (Centro Neurolesi) - Laboratorio di Poligrafia (Centro Neurolesi)
Sale studio (a disposizione degli studenti del CdS):

Biblioteca Anestesia e Rianimazione
Biblioteche (contenenti materiale relativo al CdS):

Biblioteca e Sala Riunioni del Dipartimento di Neuroscienze - Biblioteca Torre della Ricerca IRCCS (Centro Neurolesi)
Servizi di contesto (orientamento e assistenza):

Dato non disponibile
Opinioni degli studenti: Dato non disponibile
Opinioni dei laureati: Dato non disponibile

Le informazioni visualizzate di seguito si riferiscono all’attività didattica erogata, e quindi, per i corsi di nuova attivazione, sarà riportato solo il primo anno, mentre per i corsi già attivi i soli anni di corso erogati. Per consultare la programmazione completa del corso è necessario selezionare il Piano didattico, riportato nel TAB “Info Generali”.

Orario delle lezioni: TNFP Orario lezioni 3 anno I sem 2016 2017 181016
TNFP Orario lezioni 2 anno I sem 2016 2017 181016
TNFP Orario lezioni 1 anno I sem 2016 2017 181016
Esami: Elenco degli Appelli
Insegnamenti: Elenco degli Insegnamenti

Dati estratti da: unimesse3
Ultimo aggiornamento: 12/12/2017

Docenti

DocenteSSD
ASCENTI GIORGIOMED/36
BENVENGA SALVATOREMED/13
BRIUGLIA SILVANAMED/03
CAFFO MARIAMED/27
COSTA ROSARIACHIM/01
CRISAFULLI CONCETTABIO/13
CRUPI GIOVANNIING-INF/01
D'ANDREA LETTERIOMED/33
DA ASSEGNARE DOCENTE
DI ROSA GABRIELLAMED/39
DONATO NICOLAING-INF/07
ESPOSITO FELICEMED/27
FINOCCHIO SALVATORE GIUSEPPE
FODALE VINCENZOMED/41
GERMANO' ANTONINO FRANCESCOMED/27
GIRBINO GIUSEPPEMED/10
GIRLANDA PAOLOMED/26
GRACEFFA ANITA MARIA STELLA
GUALNIERA PATRIZIAMED/43
IOLI VALERIOMED/33
LO GIUDICE DANIELAMED/42
LO RE ELISAMED/48
LODDO SAVERIOMED/04
MAGAUDDA ADRIANAMED/26
MALATACCA LEONARDOMED/48
MARINO SILVIAMED/50
MILARDI DEMETRIOBIO/16
MIRCI LOREDANAMED/48
MONDELLO EPIFANIOMED/41
MONICI MARIA CATENA
MORELLI ADOLFOMED/48
MUSOLINO ROSA FORTUNATAMED/26
ORETO GIUSEPPEMED/11
PISANI FRANCESCOMED/26
PUZZOLO DOMENICOBIO/17
QUARTARONE ANGELOMED/48
RESTUCCIA MARIA GRAZIAMED/48
RIFICI CARMELAMED/34
RIZZO VINCENZOMED/48
RUELLO ELISA VENERAFIS/07
RUSSO MAURIZIOMED/45
SFRAMELI MARIAMED/48
SILVESTRI MARIA ANTONIAIUS/09
SILVESTRI ROSALIAMED/26
SPINA EDOARDOBIO/14
VITA GIUSEPPEMED/26

Docenti titolari di insegnamento


Università degli Studi di Messina - Piazza Pugliatti, 1 - 98122 Messina - tel. +39 090 6761
Cod. Fiscale 80004070837 - P.IVA 00724160833